Elba Fishing Blog
Pesca sportiva in mare e in acqua dolce. Tecniche, attrezzature, esperienze.

Tiranodi, loop tyer e brillatore

Tra gli stru­men­ti estre­ma­men­te sem­pli­ci da rea­liz­za­re ma di gran­de uti­li­tà cre­do che il “fer­ret­to piom­ba­to” gio­chi un ruo­lo da pro­ta­go­ni­sta. Voglia­mo crea­re una bril­la­tu­ra mol­to rigi­da e drit­ta? Voglia­mo crea­re aso­le tut­te ugua­li? Voglia­mo ser­ra­re per­fet­ta­men­te un nodo? In ogni caso, pur poten­do pro­ce­de­re a mano come sem­pre, il fer­ret­to ci faci­li­ta le operazioni.

Materiali e costruzione

Tut­to ciò che occor­re sono  un pez­zet­to di filo di fer­ro o accia­io inox (pre­fe­ri­bi­le), un piom­bo a pera da 20–25 gram­mi ed un paio di pinze.

Lo stret­to necessario.

ferretto piombato

Ad un capo del filo di fer­ro creia­mo una pic­co­la aso­la che fun­zio­na da fer­ma-piom­bo in coda. Poi fac­cia­mo scor­re­re il filo di fer­ro lun­go il piom­bo (a par­ti­re dal polo basa­le più lar­go e pesan­te). Infi­ne bloc­chia­mo il piom­bo schiac­cian­do con le pin­ze il polo api­ca­le sul filo di fer­ro. In que­sto modo il piom­bo è ben saldo.

Aso­la di fer­ro in coda (a sini­stra) e api­ce del piom­bo schiac­cia­to (a destra).

ferretto piombato
ferretto piombato

Sul capo libe­ro del filo di fer­ro, cir­ca tre dita sopra il piom­bo, rea­liz­zia­mo una cur­va (unci­no). Il nostro stru­men­to è pron­to per esse­re utilizzato.

Il fer­ret­to piombato.

ferretto piombato

Tiranodo

Par­tia­mo dal­la fun­zio­ne più sem­pli­ce che non ha biso­gno di mol­te spie­ga­zio­ni. Qui è suf­fi­cien­te aggan­cia­re un’a­so­la, un moschet­to­ne oppu­re un amo all’un­ci­no del fer­ret­to per poter ser­ra­re per­fet­ta­men­te un nodo gra­zie ad una pre­sa più sta­bi­le e sicura.

Il nodo di un’a­so­la vie­ne ser­ra­to per­fet­ta­men­te gra­zie al ferretto.

ferretto piombato

Loop tyer

In real­tà il fer­ret­to di per sé non è un crea­to­re di aso­le quan­to piut­to­sto uno stru­men­to che ci con­sen­te di crea­re aso­le tut­te ugua­li. Fun­zio­na indif­fe­ren­te­men­te che si opti per il nodo a otto che per il per­fec­tion loop. Ogni nodo ha infat­ti un pun­to che con­sen­te di far­lo scor­re­re così, posi­zio­nan­do il brac­cio cor­to del­l’un­ci­no in quel pun­to e fis­san­do l’a­so­la sul gam­bo, è pos­si­bi­le strin­ge­re l’a­so­la fino ad una misu­ra pari a quel­la dell’ansa/curvatura del­l’un­ci­no (distan­za tra brac­cio cor­to e gambo).

Uso del fer­ret­to su aso­la a otto.

ferretto piombato
ferretto piombato
ferretto piombato

Una vol­ta che l’a­so­la ha rag­giun­to la dimen­sio­ne desi­de­ra­ta basta sfi­la­re il nodo dal­l’un­ci­no  (lascian­do l’a­so­la nel­la cur­va­tu­ra) e ser­ra­re (sfrut­tan­do il fer­ret­to come tiranodo).

Brillatore

La fun­zio­ne for­se più inte­res­san­te è tut­ta­via quel­la rela­ti­va alla rea­liz­za­zio­ne di bril­la­tu­re. Come mostra la foto­gra­fia il pro­ce­di­men­to è mol­to sem­pli­ce. Si col­lo­ca il fer­ret­to in un pun­to del filo e si ini­zia a bril­la­re (ruo­tan­do le dita in sen­so inver­so). Lo stru­men­to tie­ne per­fet­ta­men­te ste­sa la trec­cia e aumen­ta la velo­ci­tà di rota­zio­ne. Come già descrit­to si pro­ce­de avvol­gen­do, svol­gen­do e riav­vol­gen­do (in modo da aumen­ta­re il nume­ro di spi­re per uni­tà di lun­ghez­za e ren­de­re la trec­cia più rigida).

ferretto piombato

Rag­giun­ta la lun­ghez­za desi­de­ra­ta si sfi­la il fer­ret­to dal­l’a­so­la e si chiu­de la trec­cia con il clas­si­co nodo a otto. Note­re­te come la bri­la­tu­ra così rea­liz­za­ta ten­da ad esse­re più drit­ta e rigi­da di quel­le che nor­mal­men­te rea­liz­zia­mo sen­za il fer­ret­to priombato.

Autore

Hai un domanda? Vuoi lasciare un commento? Scrivici ;-)