Elba Fishing Blog
Pesca sportiva in mare e in acqua dolce. Tecniche, attrezzature, esperienze.

Pellet speziati

Le spe­zie han­no un ruo­lo impor­tan­te nel con­fe­ri­re par­ti­co­la­re attrat­ti­va ad esche e pastu­re sia in acqua dol­ce che in mare, ben­ché in que­st’ul­ti­mo ambien­te il loro uti­liz­zo sia più limi­ta­to. Alcu­ne come la cur­cu­ma e la papri­ka dol­ce non temo­no par­ti­co­lar­men­te il sovra­do­sag­gio, altre van­no intro­dot­te in quan­ti­tà piut­to­sto ridot­te, suf­fi­cien­ti a dare quel toc­co in più evi­tan­do ecces­si che potreb­be­ro sor­ti­re effet­ti oppo­sti a quel­li desi­de­ra­ti. In que­sto arti­co­lo vedre­mo come pre­pa­ra­re pel­le­ts da inne­sco spe­zia­ti in modo mol­to sem­pli­ce; a voi poi i test sul cam­po al fine di indi­vi­dua­re la spe­zia o la com­bi­na­zio­ne di spe­zie più red­di­ti­zia per il par­ti­co­la­re spot e le abi­tu­di­ni dei pesci che inten­de­te insidiare.

Spezie in polvere

Uti­liz­ze­re­mo spe­zie in pol­ve­re che pos­sa­no esse­re ben assor­bi­te dal pel­let duro da inne­sco nei suoi stra­ti più super­fi­cia­li sen­za com­pro­met­ter­ne la con­si­sten­za. Tra le principali:

  • Aglio in pol­ve­re: Uni­ver­sa­le. Adat­to sia in mare che in acqua dolce.
  • Cur­ry: è una misce­la di spe­zie dal­l’a­ro­ma inten­so e facil­men­te rico­no­sci­bi­le. Si usa in acqua dolce.
  • Cur­cu­ma: ha pro­prie­tà disin­fet­tan­ti e dige­sti­ve. Mol­to gra­di­ta dal­le car­pe. Ten­de a colo­ra­re inten­sa­men­te di gial­lo le esche.
  • Papri­ka dol­ce: pre­sen­ta un aro­ma tipi­co e gusto deli­ca­to, leg­ger­men­te pic­can­te. Ten­de a colo­ra­re le esche di arancio/rosso. Si usa in acqua dolce.
  • Chi­li: gusto mag­gior­men­te pic­can­te. Ten­de a colo­ra­re le esche di arancio/rosso. Si usa in acqua dolce.

Andreb­be­ro poi con­si­de­ra­te la can­nel­la, il pepe nero (otti­mo abbi­na­to ai pel­let alla fari­na di pesce anche in mare), il finoc­chio e diver­se altre. Le spe­zie sono un po’ cro­ce e deli­zia, sia per il pesce che per il pesca­to­re: è com­ples­so tro­va­re il giu­sto gusto, il giu­sto aro­ma ma soprat­tut­to la giu­sta dose. Meglio però, alme­no all’i­ni­zio, uti­liz­zar­le sul­le esche e non nel­le pastu­re. Una buo­na pastu­ra com­mer­cia­le avrà sem­pre un dosag­gio ben stu­dia­to ed intro­dur­re una spe­zia potreb­be alte­rar­ne l’e­qui­li­bro, addi­rit­tu­ra masche­ran­do­ne alcu­ni aro­mi; e se que­sta aggiun­ta crea un distur­bo nel pesce, in vir­tù del fat­to che di pastu­ra in acqua ne andia­mo ad intro­dur­re tan­ta, potrem­mo anche allon­ta­na­re le pre­de. Se inve­ce uti­liz­zia­mo giu­sto un’e­sca spe­zia­ta il pesce può gra­dir­la (ed abbia­mo fat­to cen­tro) oppu­re rifiu­tar­la (pos­sia­mo cam­biar­la) ma non andia­mo a com­pro­met­te­re l’in­te­ra pasturazione.
Come per le pastu­re esi­ste poi una note­vo­le varia­bi­li­tà di rispo­sta a secon­da del­lo spot, del tipo di pre­da, del­le con­di­zio­ni del­l’ac­qua e del­la sta­gio­ne. Piut­to­sto che chie­de­re qua­le spe­zia usa­re è pre­fe­ri­bi­le pre­pa­ra­re varie esche e testar­le: è diver­ten­te e nel giro di un tem­po ragio­ne­vo­le avre­mo tut­te le infor­ma­zio­ni che ci ser­vo­no. Ma per ini­zia­re sicu­ra­men­te aglio, cur­cu­ma e chi­li sono tra le principali.

Procedimento

Il pel­let duro (per lo più alla fari­na di pesce) non va bagna­to trop­po poi­ché poi risul­ta dif­fi­ci­le da inne­sca­re per via del­la ten­den­za a sbri­cio­lar­si. Affin­ché la super­fi­cie pos­sa tut­ta­via assor­bi­re la spe­zia va pre­ven­ti­va­men­te inu­mi­di­ta. Per­so­nal­men­te pre­fe­ri­sco uno spray/nebulizzatore così da distri­bui­re una quan­ti­tà mini­ma d’ac­qua sul­le esche evi­tan­do ogni ecces­so. L’o­pe­ra­zio­ne si può ripe­te­re fin­ché non otte­nia­mo il giu­sto gra­do di umi­di­tà. Una vol­ta che la super­fi­cie è sta­ta inu­mi­di­ta si cospar­ge con un velo di spe­zia e agi­tan­do il con­te­ni­to­re fac­cia­mo in modo che ogni pel­let ne risul­ti uni­for­me­men­te cospar­so, anche qui evi­tan­do ogni ecces­so. Dob­bia­mo otte­ne­re una sor­ta di sot­ti­lis­si­ma pati­na umi­da spe­zia­ta su cia­scu­na esca. Fat­to que­sto lascia­mo i pel­le­ts una not­te in fri­go all’in­ter­no di un pic­co­lo con­te­ni­to­re ben chiu­so così che pos­sa­no assor­bi­re l’u­mi­di­tà resi­dua sen­za tut­ta­via sec­car­si. In pra­ti­ca è una sor­ta di marinatura.
Se avre­mo fat­to tut­to cor­ret­ta­men­te la mat­ti­na seguen­te i pel­le­ts saran­no anco­ra duri (quin­di inne­sca­bi­li facil­men­te tra­mi­te bait band) ma la spe­zia rico­pri­rà l’in­te­ra super­fi­cie in modo abba­stan­za tenace.

Le varie fasi di pre­pa­ra­zio­ne dei pellet.

Pellet speziati
Pellet speziati
Pellet speziati
Pellet speziati

Con­si­glio di pre­pa­ra­re pochi pel­let per vol­ta sia per testar­ne il risul­ta­to che l’ef­fi­ca­cia. Meglio aver­ne sem­pre di fre­schi e pre­pa­ra­ti con cura che tener­li per trop­po tem­po in fri­go­ri­fe­ro, ben­ché abbia­no una con­ser­va­zio­ne deci­sa­men­te otti­ma. Con­si­de­ra­te poi di pre­pa­ra­re pel­let in varie com­bi­na­zio­ni, alme­no all’i­ni­zio (es. gial­li alla cur­cu­ma, ros­si alla papri­ka e via dicendo).

Due tipo­lo­gie di pel­let con dif­fe­ren­ti aro­ma e gusto.

Pellet speziati

Dopo un cer­to tem­po di per­ma­nen­za in acqua ogni pel­let subi­sce un cer­to gra­do di wash out con dis­sol­vi­men­to del­lo stra­to più super­fi­cia­le. Anche se dal pun­to di vista visi­vo e olfat­ti­vo ci sem­bra che l’e­sca abbia per­so aspet­to e aro­ma ini­zia­le i nostri sen­si non sono par­ti­co­lar­men­te svi­lup­pa­ti e un cer­to gra­do di attrat­ti­va rima­ne, quan­to­me­no più a lun­go rispet­to alla nostra per­ce­zio­ne. La sosti­tu­zio­ne del pel­let è comun­que una scel­ta del pesca­to­re e lega­ta alla dura­ta di ogni sin­go­la cala e alla rispo­sta da par­te dei pesci. Con­si­de­ran­do una dura­ta media di 5 minu­ti a cala (nel fee­der) si può ini­zia­re a valu­ta­re se sosti­tui­re il pel­let dopo alme­no due cale (10 minu­ti). Ma ripe­to, è una scel­ta che si fa sul momen­to e non ci sono rego­le da rispettare.

Pel­let alla fari­na di pesce spe­zia­to al cur­ry. Inne­sco su hair rig con bait band.

Pellet speziato su hair rig

Autore

Hai un domanda? Vuoi lasciare un commento? Scrivici ;-)